Tutti i post

Blog

Come Risparmiare sulle Bollette Invernali: 16 Consigli

29 Maggio 2024

Anche a causa dei rincari sui prezzi di gas ed energia elettrica, le bollette possono rappresentare una spesa ingente in inverno. È quindi buona pratica adottare qualche piccolo o grande accorgimento per ridurre i costi energetici nel lungo periodo. In questo articolo, si forniscono 16 consigli per risparmiare sulle bollette invernali.

Perché è come agire per risparmiare sulle bollette invernali

Le utenze domestiche sono una voce importante del bilancio economico di ogni unità familiare, e in inverno questa incidenza è ancora maggiore. In questa stagione, infatti, le bollette di luce e gas tendono a essere più alte per diversi fattori: le giornate sono più buie, la temperatura è più rigida, si trascorre più tempo dentro casa.

È possibile agire in molti modi diversi, dai piccoli accorgimenti alle grandi modifiche strutturali, per ridurre il modo in cui le bollette invernali impattano sui propri risparmi. A volte, si può riuscire a risparmiare diverse decine di euro che, sul lungo periodo, possono fare la differenza. Da non trascurare, poi, il beneficio apportato all’ambiente.

È quindi importante muoversi in un’ottica di efficienza energetica: è questa la parola chiave che può caratterizzare tutti quei comportamenti quotidiani che permettano di risparmiare in termini economici e di ridurre il proprio impatto ambientale in termini di ecosostenibilità. E questo può e deve avvenire, naturalmente, senza trascurare il benessere e il comfort di chi vive dentro casa.

Una questione molto importante da ricordare in merito alla riduzione di consumi e sprechi riguarda la presenza di infissi performanti dal punto di vista dell’isolamento termico. Gli infissi in alluminio METRA Building assicurano prestazioni ottimali e permettono di sfruttare non solo le straordinarie proprietà dell’alluminio, ma anche la tecnologia del taglio termico che assicura la totale assenza di dispersione del calore. Più avanti nell’articolo si parla più specificatamente dell’importanza dei giusti infissi per risparmiare sulle bollette invernali.

Come risparmiare sui consumi in inverno: piccoli accorgimenti

Esistono molti piccoli comportamenti che possiamo adottare fin da subito e che, sommati l’un l’altro sul lungo periodo, possono aiutare a ridurre sensibilmente i costi sulle bollette invernali.

Misurare il proprio consumo energetico attuale

Nessun cambiamento può avvenire efficacemente se non sappiamo da dove partire. È quindi importante iniziare facendosi un’idea generale di quanta energia (in termini di gas ed elettricità) si utilizza attualmente. Per farlo, ci si può rivolgere a un professionista o si possono usare strumenti di misurazione online o via app.

Altrettanto importante è fare una ricognizione generale della casa per valutarne l’attuale efficienza energetica. Ci sono tubature vecchie che possono causare sprechi? Stanze che vengono frequentate pochissimo e che non hanno quindi bisogno di essere scaldate ogni giorno? E così via. Tutto questo diventa il punto di partenza ottimale per capire come e cosa tagliare in termini di consumi.

Impostare la giusta temperatura in casa

La temperatura impostata sul termostato può incidere davvero molto sul costo delle bollette invernali. Secondo tutti gli studi e le statistiche, una temperatura di 19-20°C risulta ottimale per vivere nel completo comfort evitando al contempo sprechi di energia e di denaro.

Una temperatura maggiore anche solo di un grado potrebbe aumentare la bolletta invernale fino al 7-10%. Inoltre, si rivelerebbe persino controproducente in quanto causerebbe uno sbalzo termico eccessivo con la temperatura esterna, causando quindi anche eventuali problemi di salute.

Gestire l’uso degli impianti di riscaldamento in modo razionale

Per risparmiare sulle bollette invernali è importante operare piccoli accorgimenti per gestire al meglio l’impianto di riscaldamento.

Ad esempio:

  • regolare la temperatura: sulla base delle diverse esigenze e delle diverse fasce orarie della giornata. Di notte e quando siamo fuori casa, è una buona pratica assicurarsi di spegnere la caldaia e di abbassare la temperatura sul termostato, per evitare di scaldare eccessivamente le stanze vuote.
  • quando siamo in casa: chiudere le valvole dei termosifoni nelle stanze che non usiamo, e aprire solo quelli delle aree che vengono vissute e utilizzate. La diversificazione della temperatura nelle diverse stanze è un modo molto utile per aumentare l’efficienza energetica della casa in inverno.
  • ricordare che alcune stanze non devono essere scaldate eccessivamente, perché la presenza umana o l’uso di illuminazione, fuochi ed elettrodomestici forniscono una fonte di calore che può essere in alcuni casi sufficiente. Ad esempio, si può pensare di chiudere il termosifone in cucina quando ci si appresta ad accendere il forno e a cucinare.

Evitare la dispersione del calore

Spesso il calore dentro casa viene disperso verso l’esterno o “rubato” da elementi di disturbo.

Quando il calore si disperde, si hanno danni non solo in termini di comfort abitativo, ma anche dal punto di vista ambientale e, soprattutto, dell’aumento dei costi sulla bolletta in inverno. Infatti, l’impianto di riscaldamento dovrà consumare molta più energia per fornire agli ambienti la temperatura per la quale è stato impostato.

Ecco alcuni accorgimenti in merito:

  • chiudere le finestre delle stanze in cui i termosifoni sono accesi e funzionanti. Lasciare le finestre aperte con i termosifoni caldi è una delle principali fonti di spreco di energia. Se lavoriamo o viviamo in una o poche stanze nel corso delle diverse fasce orarie, possiamo anche chiudere la porta per evitare che il calore di quelle stanze si disperda verso il resto della casa, soprattutto nelle abitazioni più grandi.
  • arieggiare la casa aprendo le finestre solo per una decina di minuti, magari in due momenti diversi della giornata, e solo quando i termosifoni sono spenti. Il ricambio dell’aria è fondamentale per evitare la formazione di muffe, condense e cattivi odori, così come per regolare ottimamente la presenza di umidità dell’aria. Ma lasciare le finestre aperte per molto tempo e coi termosifoni accesi, come si è visto, può portare a molti sprechi.
  • schermare le finestre con gli appositi sistemi oscuranti quando fa buio e di notte. Chiudere persiane e tapparelle, così come le tende nell’interno della casa, aiuta a non disperdere il calore verso l’esterno. Oltre a fornire un ulteriore isolamento termico rispetto alle finestre, i sistemi oscuranti in alluminio di METRA Building sono anche estremamente resistenti alle intemperie tipiche del periodo invernale. Sono quindi la soluzione ideale di cui dotarsi per avere una casa sempre calda, confortevole e sicura.
  • dotarsi di pannelli riflettenti per ridurre la dispersione del calore e i conseguenti consumi sulla bolletta invernale. I pannelli riflettenti vengono inseriti nello spazio tra il termosifone e la parete alle sue spalle, permettendo al calore di “tornare indietro” verso la stanza e non disperdersi verso l’esterno. È possibile acquistare dei pannelli di questo tipo e installarli molto facilmente in autonomia ma, come rimedio casalingo, un semplice foglio di alluminio può già fare una piccola differenza.
  • evitare la presenza di ostacoli intorno ai termosifoni. Capita di posizionare mobili o oggetti proprio davanti ai termosifoni, ma questo può incidere in larga misura sulla capacità di questi ultimi di diffondere il calore nella stanza. È quindi una buona idea spostare gli oggetti in modo che il termosifone sia più libero di fare il proprio lavoro. Allo stesso tempo, può capitare di sistemare l’asciugabiancheria davanti al termosifone o, addirittura, di mettere biancheria e vestiti ad asciugare direttamente su di esso: capita a moltissimi, ad esempio, di appendere l’asciugamano allo scalda-salviette del bagno. Per quanto ciò possa essere comodo e confortevole, questa azione contribuisce però a una maggiore dispersione di calore e, quindi, a maggiori sprechi di energia.

Effettuare controlli periodici alla caldaia

Il non corretto funzionamento dei dispositivi è una delle maggiori cause di consumo energetico. Per capire come risparmiare sulle bollette invernali, quindi, è fondamentale sottoporre il proprio impianto di riscaldamento a controlli e manutenzioni periodiche, per assicurarsi che tutto funzioni correttamente. Se così non fosse, significherebbe che l’impianto non funziona al massimo delle sue capacità, portando quindi a uno spreco di energia e di costi.

In inverno soprattutto, la caldaia è l’apparecchio fondamentale per vivere la propria casa in modo confortevole; va quindi fatta controllare da un tecnico specializzato. Se questa pratica non è rispettata, tra l’altro, si può incorrere in sanzioni pecuniarie. Il controllo periodico della propria caldaia avviene secondo le tempistiche dettate dal libretto e dall’installatore ma, come indicazione generale, è bene effettuarlo con cadenza annuale, preferibilmente in estate o comunque prima che inizi la stagione fredda.

A questa manutenzione ordinaria, bisogna accompagnare obbligatoriamente un controllo dei fumi. Questo controllo è volto a valutare e approvare l’efficienza energetica della caldaia e deve essere effettuato ogni uno, due o quattro anni a seconda del tipo di impianto che si utilizza.

Nel frattempo, in merito alla manutenzione si può procedere in autonomia a effettuare lo spurgo dei termosifoni prima di ogni inverno. Questa operazione permette di eliminare le bolle d’aria che si formano al loro interno, limitandone le prestazioni e contribuendo ancora una volta ad aumentare gli sprechi di energia e di denaro.

Fare buon uso degli elettrodomestici

Un’ottima pratica che permette di risparmiare energia in casa, non solo in inverno, riguarda il buon uso di tutti gli apparecchi elettrici, compresi gli elettrodomestici. È importante spegnerli e staccare la spina quando non sono in uso, perché anche la modalità standby consuma e si tratterebbe, in questo caso, di un vero e proprio spreco di energia.

È altresì importante utilizzare alcuni elettrodomestici, come lavatrice e lavastoviglie, solo quando sono a pieno carico, così come affidarsi all’asciugatrice solo quando necessario.

Ugualmente agli elettrodomestici, anche l’uso intelligente dell’illuminazione può contribuire ad abbassare i costi in bolletta; è quindi buona norma spegnere sempre le luci delle stanze non utilizzate.

Confrontare le tariffe dei diversi distributori di energia

Se ci si rende conto che tutti questi accorgimenti non riescono a produrre una sostanziale riduzione delle spese sulla bolletta invernale, una buona idea può essere quella di rivolgersi a un fornitore più conveniente. Questa operazione può richiedere diverso tempo se fatta con cura, perché è importante confrontare le tariffe proposte dalle diverse aziende. Ma, una volta trovato il distributore adatto, questo investimento di tempo verrà ripagato in termini di risparmio energetico ed economico sul lungo periodo.

Per ridurre i tempi di ricerca, online esistono diversi strumenti che permettono di confrontare prezzi e prestazioni in modo semplice e senza impegno. Alcuni parametri da prendere in considerazione sono il consumo annuo, la presenza di fasce orarie con prezzi variabili, la potenza impiegata, il prezzo fisso o variabile. Una volta trovato il distributore ideale, le leggi di tutela al consumatore permettono di cambiare il fornitore di energia facilmente, anche quando si ha già firmato un contratto con quello precedente.

Come risparmiare sulle bollette in inverno: quali investimenti?

Le modifiche al comportamento quotidiano suggerite nel paragrafo precedente possono, se applicate costantemente e nel lungo periodo, produrre un cambiamento sensibile sulle bollette invernali, permettendo di risparmiare mese dopo mese.

Nonostante i vari accorgimenti descritti nel paragrafo precedente, potrebbe rivelarsi necessario eseguire delle modifiche di più ampia portata, che permettano di registrare risparmi significativi sin dalla prossima bolletta e per sempre. In questo caso, si parla di cambiamenti di tipo strutturale. Sono ottimi da prendere in considerazione se si sta pensando di ristrutturare la propria casa, o se ne sta costruendo una nuova e si vuole fin da subito avere una casa energeticamente efficiente. Oltre a questi cambiamenti strutturali, si propongono anche delle modifiche meno invasive ma comunque fondamentali per ridurre i costi e risparmiare sulle bollette invernali.

Eseguire una coibentazione della casa

Dotare la propria abitazione di un cappotto termico è una soluzione certo non immediata, ma più semplice da attuare rispetto a quanto si possa pensare e, soprattutto, estremamente efficace. Infatti, la presenza di un cappotto riduce significativamente la dispersione del calore (in inverno, ma anche dell’aria fresca in estate) verso l’esterno attraverso le pareti della casa. Il calore emesso dai termosifoni resta dentro le stanze, e non sarà quindi necessario scaldare eccessivamente o aumentare le temperature per vivere in un ambiente confortevole. Questo, ovviamente, avrà un discreto impatto non solo sui costi in bolletta, ma anche sull’efficienza energetica della casa e sull’ambiente.

Proprio nell’ottica di un maggior efficientamento energetico, la coibentazione della casa può risultare un intervento relativamente economico perché supportato da diversi incentivi statali. L’investimento iniziale viene ripagato sui risparmi in bolletta nel lungo periodo.

Sostituire degli infissi

Se si parla di investimento iniziale che viene controbilanciato da un notevole risparmio economico a lungo termine, un altro intervento fondamentale per risparmiare sulle bollette invernali è senz’altro costituito dalla corretta posa in opera e installazione di infissi performanti. Purtroppo, in molte case in Italia sono ancora presenti infissi datati, realizzati con alluminio a taglio freddo, con PVC scadente o con legno che non è stato adeguatamente manutenuto.

Sostituire gli infissi con altri di ultima generazione significa allora operare un enorme cambiamento in termini di efficienza energetica. E se si parla di infissi di ultima generazione, non si può non parlare degli infissi in alluminio METRA Building. Nonostante l’alluminio di per sé sia un materiale che conduce il calore, la presenza del taglio termico (ossia di un materiale isolante tra profilato interno ed esterno) garantisce un isolamento termico davvero eccezionale. Questo fa sì che il calore prodotto dai termosifoni in casa d’inverno non si disperda verso l’esterno tramite le finestre. Occorreranno quindi spese inferiori per riscaldare la casa, ed è in questo modo che si raggiunge un risparmio energetico.

La cosa eccezionale è che gli infissi in alluminio forniscono moltissimi altri vantaggi, grazie alle speciali proprietà di questo materiale. Ad esempio, è il più resistente agli agenti atmosferici e alle effrazioni, e dunque estremamente di sicuro. Può essere personalizzato in una varietà infinita di colori e finiture, è il più durevole nel tempo, è facilissimo da pulire e manutenere. L’alluminio si inserisce anche in un’ottica di rispetto dell’ambiente, in quanto materiale riciclabile al 100%. Insomma: se si decide di sostituire gli infissi in un’ottica di maggiore risparmio energetico, gli infissi in alluminio METRA Building sono una certezza da questo e da molti altri punti di vista.

È possibile approfondire qui i vantaggi degli infissi in alluminio.

Quando si acquistano nuovi infissi, bisogna infine ricordare che la posa in opera è altrettanto importante in termini di efficienza energetica. Qualsiasi qualità dell’infisso, infatti, viene vanificata da un montaggio sbagliato. Esso causa ben presto la formazione di muffe e condense, così come la presenza di spifferi che fanno lievitare i consumi delle bollette invernali. Affidarsi a operatori del settore specializzati come METRA Building è quindi fondamentale per garantirsi una posa in opera impeccabile.

Installare un impianto di energia rinnovabile

Un altro intervento ingente ma che ripaga enormemente su lungo periodo è rappresentato dall’installazione di un impianto di energia alternativa. Si tratta in questo caso, ad esempio, di impianti di energia geotermica o, più comunemente, di impianti fotovoltaici con la presenza di pannelli solari.

Questi impianti sfruttano l’energia rinnovabile, quindi completamente gratuita, per produrre energia elettrica e per scaldare l’acqua e gli ambienti. Si potrà quindi ottenere un risparmio ingente sui consumi di gas ed elettricità e, quindi, sui costi delle bollette invernali. Anche in questo caso, bisogna considerare interventi di questo tipo come veri e propri investimenti per il futuro, supportati comunque da importanti incentivi statali in un’ottica di efficientamento energetico.

Considerare impianti di riscaldamento alternativi

Sulla falsariga di quanto appena detto, può essere un’ottima idea installare una pompa di calore aria-acqua, oppure caldaie alternative alimentate a biomassa. In alternativa, una più semplice caldaia a condensazione è comunque molto più performante in termini energetici rispetto alle caldaie tradizionali.

Nella vita di tutti i giorni in inverno, chi usa la stufetta elettrica per riscaldare velocemente un ambiente, come ad esempio il bagno, dovrebbe sapere che questo dispositivo è quello che consuma più energia in assoluto a parità di consumo. In questi casi, se non si vuole rinunciare a questo tipo di comfort, è possibile optare per stufette di ultima generazione ad alta efficienza energetica. Un esempio è costituito da quelle che fanno uso della tecnologia a infrarossi per la trasmissione del calore tramite irraggiamento.

Dotarsi di un impianto di domotica

Se si sta ristrutturando o costruendo casa, è ormai essenziale prendere in considerazione l’installazione di un impianto domotico. Esso, infatti, presenta numerosissimi vantaggi che possono essere approfonditi in questo articolo.

Nell’ambito del risparmio sulle bollette invernali, l’impianto di domotica aiuta enormemente a gestire il riscaldamento in modo intelligente e a ridurre la dispersione del calore. Ad esempio, si potrebbe essere restii a spegnere i riscaldamenti prima di uscire di casa, per la paura di dover rientrare la sera in un’abitazione troppo fredda. Con la domotica, questo problema non esisterebbe. Tramite la presenza del cronotermostato, basterebbe avviare il riscaldamento poco prima di rientrare, utilizzando il proprio smartphone come telecomando a distanza. Si potrebbe fare la stessa cosa per chiudere le tapparelle di sera, così da evitare la dispersione del calore.

In altre parole, il sistema di domotica è una soluzione brillante anche per ottenere una maggiore efficienza energetica della casa. Tutti i prodotti METRA Building sono predisposti per essere allacciati all’impianto di domotica della propria abitazione.

Dotarsi di un termostato intelligente

Se non è possibile installare un intero impianto di domotica, spesso il solo termostato smart può fare la differenza nella riduzione dei consumi e dei costi delle bollette invernali. Questo tipo di termostato, infatti, permette di gestire il consumo di energia in modo intelligente, in quanto regola la temperatura interna della casa automaticamente. Lo fa sulla base di diversi fattori: la temperatura esterna, le condizioni meteorologiche, le fasce orarie, gli spostamenti e le esigenze degli inquilini.

L’installazione di un termostato smart può far risparmiare fino a oltre il 30% dei costi in bolletta. Per ottenere un tale traguardo, è però importante posizionarlo in un luogo lontano da spifferi o dalla luce diretta del sole. Questi potrebbero infatti alterare le sue capacità di individuare la temperatura corretta, inficiandone così le prestazioni.

Affidarsi a un sistema di riscaldamento autonomo e alle valvole termostatiche

Sfruttare un sistema di riscaldamento autonomo non è purtroppo sempre possibile, in quanto il riscaldamento centralizzato è spesso previsto all’interno dei condomini. Ma quando invece è possibile farlo, rappresenta un ottimo modo per gestire al meglio i propri consumi.

In entrambi i casi, che il riscaldamento sia autonomo o centralizzato, è opportuno, nonché obbligatorio, installare delle valvole termostatiche ai propri termosifoni. Queste permettono di regolare opportunatamente il flusso di acqua calda al loro interno, evitando quindi che essi raggiungano temperature troppo elevate con conseguenti sprechi in termini di consumo e di denaro. Il risparmio ottenuto in questo senso, utilizzando le valvole in modo intelligente, può arrivare al 20%.

Installare un impianto di ventilazione meccanica

Una delle principali cause della dispersione del calore è l’apertura delle finestre per arieggiare le diverse stanze della casa. D’altra parte, questa è un’operazione necessaria per mantenere una condizione di benessere all’interno della propria abitazione.

Per mantenere sempre il micro-clima e il livello di umidità ottimale in casa, senza però disperdere calore dalle finestre aperte in inverno, un’ottima soluzione per la casa del futuro è quella di installare un impianto di ventilazione meccanica controllata (VMC). Questa tipologia di impianto permette un perfetto ricircolo dell’aria interna. Garantisce non solo un’elevata efficienza energetica e un risparmio sui costi in bolletta, ma anche un passo importante verso la sostenibilità ambientale.

Optare per elettrodomestici e lampadine più performanti

Infine, un cambiamento da operare riguarda elettrodomestici e lampadine per ridurre il consumo di energia. Si tratta di una soluzione importante perché permette di ridurre discretamente i costi sulla bolletta non solo in inverno, ma tutto l’anno.

Nel corso del tempo e quando possibile, una buona idea è quella di sostituire i propri elettrodomestici più datati con quelli aventi una classe energetica superiore, idealmente di classe A+++. Questi elettrodomestici hanno un costo più elevato ma, oltre a poter usufruire di ecobonus specifici, permettono di ridurre di molto i costi energetici sul lungo periodo. Per spalmare questo investimento nel tempo, si può iniziare aumentando la classe energetica degli elettrodomestici che si usano di più (come il frigorifero, acceso 24 ore su 24) e passare poi a quelli meno impattanti.

Lo stesso accorgimento può essere applicato al sistema di illuminazione. Le lampadine LED e quelle fluorescenti hanno un costo maggiore rispetto a quelle tradizionali, ma garantiscono un consumo molto inferiore e, quindi, un risparmio a lungo termine. In abbinamento o in alternativa a questa soluzione, si può pensare di ridurre la presenza di punti luce in casa, così da risparmiare sui costi dell’illuminazione. In questo caso, gli infissi in alluminio garantiscono una casa più luminosa. Essendo un materiale molto resistente, infatti, l’alluminio permette al telaio della finestra di avere profili molto sottili, anche di pochi millimetri. Questo fa aumentare la superficie vetrata della finestra, la quale garantisce una maggiore illuminazione naturale degli ambienti.